Passiflora Star of Clevedon | La Collezione Italiana di Maurizio Vecchia

Passiflora Star of Clevedon, informazioni, classificazione, temperature. etimologia della Passiflora Star of Clevedon. Scopri la Collezione Italiana di Passiflora di Maurizio Vecchia.

Passiflora Star of Clevedon | La Collezione Italiana di Maurizio Vecchia

ORIGINE E DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA:

P. ‘Amethyst’ x P. caerulea ‘Constance Eliott’.
Ibrido di origine orticola.


TEMPERATURA MINIMA: 0 °C


TEMPERATURA MINIMA IDEALE: 5 °C


ETIMOLOGIA: Clevedon è la cittadina inglese del North Somerset che ospita la National Collection of Passiflora: Stella di Clevedon.


FOTOGALLERY:


DESCRIZIONE:

La P. ‘Star of Clevedon’ ha gli stessi genitori della P. ‘Star of Bristol’ In questo caso però l’influenza del polline paterno, proveniente dalla P. caerulea nella candida cultivar ‘Constance Eliott’  è stata più accentuata, tanto che la corolla è diventata di un bel bianco puro e la corona ha preso una colorazione blu intenso alternata da una banda più chiara, pur essendo più corta rispetto a quella della P. ‘Star of Bristol’.  La P. ‘Amethyst’ ha influito invece nel determinare la forma del fiore.  Anzi, ha portato in esso una eleganza ed una perfezione unica, tanto che questo fiore è stato insignito del Certificato di Merito dalla Royal Horticultural Society.

I sepali (che sono uncinati) ed i petali hanno forma stretta ed allungata e sono leggermente rivolti all’indietro come quelli della P. ‘Amethyst’; la corona ha forma simile a quella della madre anche se di colore diverso: proprio questi particolari rendono il fiore particolarmente elegante.

Certamente questo ibrido deve la sua maggiore diffusione rispetto agli altri due (P. ‘Star of Bristol’, P. ‘Star of Kingston’) prodotti da J. Vanderplank non solo alla sua particolare bellezza che deriva dalla purezza dei colori e dalla forma slanciate, ma anche alle dimensioni del fiore che superano quelle di entrambi i genitori arrivando al diametro di circa 12 cm.

Il suo fogliame, composto da foglie trilobate, lucide e leggermente coriacee, contribuisce a rendere accattivante questo rampicante che di solito è sempre fitto di fiori che si susseguono, giorno dopo giorno, dalla primavera all’autunno.

La propagazione è possibile solo per via vegetativa.