Passiflora caerulea pierre pomié | La Collezione Italiana di Maurizio Vecchia

Passiflora caerulea pierre pomié, informazioni, classificazione, temperature. etimologia della Passiflora caerulea pierre pomié. Scopri la Collezione Italiana di Passiflora di Maurizio Vecchia.

Passiflora caerulea pierre pomié | La Collezione Italiana di Maurizio Vecchia

Classificazione (J. MacDougal ed altri, 2004)

SOTTOGENERE: passiflora
SUPERSEZIONE: stipulata
SEZIONE: granadillastrum


ORIGINE E DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA:

Selezione orticola di P. caerulea.


TEMPERATURA MINIMA: - 15 °C


TEMPERATURA MINIMA IDEALE: 5 °C


ETIMOLOGIA: Dedicata a Pierre Pomié, un noto collezionista francese. 


NOTE:

Cultivar a fiori bianchi con anello rosa sulla corona.


FOTOGALLERY:


DESCRIZIONE:

Al francese Pierre Pomié, spetta il merito di aver selezionato questa particolare varietà di P. caerulea a cui ha dato il proprio nome.

Essa ha grandi fiori molto decorativi che assomigliano come consistenza e dimensioni a quelli della P. caerulea ‘C. Eliott’. I petali ed i sepali, impreziositi da una leggera sfumatura rosa, sembrano di porcellana, tanto sono lucidi e brillanti.

La corona dei filamenti è bianca ovunque, tranne che alla base, dove è rosa per circa 6-7 mm. Appare così, nel fiore, un anello colorato in campo bianco.

La forma dei fiori è perfetta per la simmetria dei cinque sepali e dei petali più lunghi e più larghi di quelli della specie tipica. La corona dei filamenti, anch’essa consistente e robusta, ha quasi lo stesso diametro della corolla. È però sufficientemente rada da non offuscarne la bellezza, anzi le due strutture, sotto l’aspetto estetico, si integrano alla perfezione.

La massa di fiori, tutti cerchiati di rosa, produce un’immagine inusuale.  È consigliata perciò a coloro che vogliono in giardino un rampicante raro ed insolito, pur di facilissima coltivazione.

La rusticità e le norme colturali necessarie sono del tutto simili a quelle richieste da altre varietà di P. caerulea, anche se la P. caerulea ‘Pierre Pomiè’ è tra le meno invadenti. 

Fiorisce dalla tarda primavera all’autunno e, a differenza della specie tipica, ha la prerogativa di farlo anche quando è ancora piccola. È singolare vedere piccoli esemplari di questo rampicante carichi di grandi boccioli pronti a schiudersi e a fiorire in successione, giorno dopo giorno. Non le manca il profumo che si sparge attorno ed attira insetti golosi di nettare.

Richiede una posizione assolata e non ha particolari preferenze per il terreno, che può essere anche asciutto e siccitoso.

La moltiplicazione è da effettuarsi solo per via vegetativa per non alterare le caratteristiche genetiche della varietà.