Passiflora murucuja | La Collezione Italiana di Maurizio Vecchia

Passiflora murucuja, informazioni, classificazione, temperature. etimologia della Passiflora murucuja. Scopri la Collezione Italiana di Passiflora di Maurizio Vecchia.

Passiflora murucuja | La Collezione Italiana di Maurizio Vecchia

Classificazione (J. MacDougal ed altri, 2004)

SOTTOGENERE: decaloba
SUPERSEZIONE: decaloba
SEZIONE: decaloba


ORIGINE E DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA:

Porto Rico, Dominicana, Haiti.


TEMPERATURA MINIMA: 10 °C


TEMPERATURA MINIMA IDEALE: 12 °C


ETIMOLOGIA: Denominazione popolare di molte passiflore che  vengono chiamate 'Murucuja' o 'Maracuja'.


FOTOGALLERY:


DESCRIZIONE:

Se desiderate una passiflora sempre fitta di fiori, allora dovete coltivare la P. murucuja. Difficilmente la vedrete rivestita di sole foglie, perché sarà sempre ricoperta da miriadi di fiori rossi, vivaci e curiosi.  È un rampicante sottile, leggero e di piccole dimensioni, che si ramifica in continuazione, così da diventare, in poco tempo, un groviglio di tralci. La massa di foglie e di fiori, che in questo modo si forma, è tale da creare una cortina impenetrabile alla luce.

La sua rusticità è relativa e non può essere coltivata all’aperto nelle zone climatiche soggette a frequenti e prolungate gelate invernali. La nostra penisola, tuttavia, possiede risorse tali da consentirne la probabile acclimatazione, ad esempio, in Liguria ed al Sud dell’Italia, purché protetta d’inverno. Altrove può essere una bellissima pianta da vaso, di facile coltivazione e di molta soddisfazione.

Le sue foglie, di consistenza coriacea e ci colore verde scuro, sono bilobate ed hanno la larghezza superiore all’altezza, circa 4 cm contro cm 1,5 circa. Sono perciò poste trasversalmente al picciolo, come avviene in molte specie di passiflore ascritte al Sottogenere Decaloba. Gli internodi sono brevi, cosicché le foglie sono assai numerose.

I fiori sono rossi, con una dominante tendente al porpora. Il loro diametro, di circa 5 cm, li rende appariscenti proprio in relazione alle piccole dimensioni della pianta.  I sepali, poco dopo la schiusa del fiore, compiono un arco ripiegandosi all’indietro, mentre i petali rimangono leggermente protesi in avanti. La corona è costituita da filamenti connati tra di loro così da formare una membrana di forma cilindrica, lunga circa 1,5 cm e di colore rosso, all’interno della quale sporge il sottile e lungo androginoforo. L’architettura del fiore, di singolare eleganza, suggerisce movimento e vivacità.

La P. murucuja fruttifica con facilità. I suoi frutti sono sferici, di colore verde scuro, del diametro di circa 1,5 cm. Per questa ragione è semplice riprodurla anche per seme, purché sia utilizzato fresco. La moltiplicazione per talea, tuttavia, darà piante più pronte a fiorire.

Si coltiva in terriccio ricco di humus utilizzando vasi di almeno 25 cm di diametro, misura necessaria per ottenere esemplari spettacolari. È importante predisporre sopra di essi un castello di sostegni alti almeno un metro, dalla forma elegante e regolare, che verrà presto ricoperto dalla fitta vegetazione della passiflora fino a diventare una scultura verde tempestata di gemme rosse.

La P. murucuja, che è originaria della Dominicana, di Puerto Rico e di Haiti, non soffre di particolari malattie, ad eccezione di attacchi di nematodi che la rendono in poco tempo sofferente ed irrecuperabile.