Passiflora reflexiflora | La Collezione Italiana di Maurizio Vecchia

Passiflora reflexiflora, informazioni, classificazione, temperature. etimologia della Passiflora reflexiflora. Scopri la Collezione Italiana di Passiflora di Maurizio Vecchia.

Passiflora reflexiflora | La Collezione Italiana di Maurizio Vecchia

Classificazione (J. MacDougal ed altri, 2004)

SOTTOGENERE: passiflora
SUPERSEZIONE: stipulata
SEZIONE: tacsonioides


ORIGINE E DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA:

Ecuador.


TEMPERATURA MINIMA: 10 °C


TEMPERATURA MINIMA IDEALE: 12 °C


SINONIMI:  P. lorifera Mast., P. reflexa J. E. Sm.


ETIMOLOGIA:  Dal latino reflexiflorus, poichè la corolla si reflette completamente dopo l'apertura.


FOTOGALLERY:


DESCRIZIONE:

La corolla rosso fucsia, ripiegata all’indietro, è completata da un lungo androginoforo proteso in avanti. Il fiore di questa passiflora sembra davvero una freccia pronta a scoccare. Anche il tubo calicino, lungo e sottile, contribuisce a creare questa immagine.

La piccola sezione Tacsonioides della Supersezione Stipulata comprende attualmente solo sei specie, di cui la più conosciuta è la P. umbilicata. Una caratteristica comune ad entrambe queste passiflore è proprio quella di avere i petali ed i sepali fortemente ripiegati all’indietro.  Nella P. umbilicata questi addirittura si pongono paralleli al calice. Nella P. reflexiflora un simile comportamento è attenuato e la corolla rimane comunque aperta e non completamente retroflessa.

Tutta la pianta è glabra, il verde, intenso e brillante, è accostato a sfumature violette sui fusti e sui margini fogliari, interi o leggermente serrati. Le foglie sono trilobate, con la base cordata. I lobi laterali formano, con quello centrale, un angolo retto o leggermente ottuso. La foglia non è grande, misura, infatti, solamente cm 5 di lunghezza e 6 di larghezza. La pagina è ondulata e leggermente coriacea.

Il calice di 0,5 cm di diametro, lungo 2,5 cm, sorregge la corolla di color cremisi, composta da sepali e petali lanceolati. La corona è composta da tre serie di corti filamenti rossi punteggiati di bianco all’apice. Il fiore, che ha il diametro di circa 7 cm, è elegante e curioso insieme.

Il frutto è un ovoide di 6 cm di lunghezza e 4 di larghezza.

La P. reflexiflora è reperibile presso i collezionisti, e si sta rapidamente diffondendo anche per la sua facilità di coltivazione. Tuttavia, non è ancora ben conosciuta per quel che riguarda la sua acclimatazione e la sua rusticità. Sicuramente è meno resistente al freddo della P. umbilicata e si presume che richieda almeno 10 °C nella stagione invernale.

Suggerisco la moltiplicazione per talea, giacché è il modo più semplice e più rapido per ottenerla.


TIMELAPSE: