Passiflora talamancensis | La Collezione Italiana di Maurizio Vecchia

Passiflora talamancensis, informazioni, classificazione, temperature. etimologia della Passiflora talamancensis. Scopri la Collezione Italiana di Passiflora di Maurizio Vecchia.

Passiflora talamancensis | La Collezione Italiana di Maurizio Vecchia

Classificazione (J. MacDougal ed altri, 2004)

SOTTOGENERE: decaloba
SUPERSEZIONE: decaloba
SEZIONE: decaloba


ORIGINE E DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA:

 Costa Rica


TEMPERATURA MINIMA: 10 °C


TEMPERATURA MINIMA IDEALE: 12 °C


ETIMOLOGIA: Denominazione di origine geografica: da Talamanca, Costa Rica.


FOTOGALLERY:


DESCRIZIONE:

È questa è un’altra passiflora di origine costaricana, adatta all’allevamento dei bruchi coloratissime di farfalle tropicali del Genere Heliconius. È coltivata quasi esclusivamente per questa ragione sebbene abbia foglie interessanti, di forma singolare e curiosa. Esse rappresentano l’immagine di un triangolo isoscele in cui ad uno dei vertici è applicato il lungo picciolo. Da esso partono due lati leggermente convessi. Dalla parte opposta vi è il terzo lato, più corto e dalla curvatura concava, con un lieve accenno di terzo lobo. Nella parte mediana della lamina fogliare, che è di colore verde scuro, all’interno delle nervature laterali, vi sono due file di ghiandole allineate.

La lunghezza può arrivare a 12 cm e la larghezza, nella parte distale, a 7 cm.

I fiori hanno il diametro di circa 3 cm soltanto. I sepali e petali sono bianchi. La corona è composta da due serie di filamenti entrambe colorate di bianco alla base e di porpora alla sommità.

Questa passiflora, dai sottili fusti striati ed angolati, è quasi sconosciuta e non facile da trovare. Merita di essere coltivata per il fogliame decorativo dalla consistenza leggermente coriacea. Rappresenta infatti l’ennesima variante che il sottogenere Decaloba ha ‘studiato’ nelle foglie, nella ricerca di forme sempre diverse.

La resistenza al freddo è limitata ai 10 °C. Anche se è vivace e adattabile, è perciò da coltivare in vaso da porre all’esterno in primavera fino all’autunno inoltrato.

I frutti sferici, del diametro di 1 cm, diventano completamente neri a maturazione.

Si propaga con molta facilità per talea. Non è invece facile trovare i suoi semi.