Passiflora rovirosae | La Collezione Italiana di Maurizio Vecchia

Passiflora rovirosae, informazioni, classificazione, temperature. etimologia della Passiflora rovirosae. Scopri la Collezione Italiana di Passiflora di Maurizio Vecchia.

Passiflora rovirosae | La Collezione Italiana di Maurizio Vecchia

Classificazione (J. MacDougal ed altri, 2004)

SOTTOGENERE: decaloba
SUPERSEZIONE: decaloba
SEZIONE: xerogona


ORIGINE E DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA:

Messico.


TEMPERATURA MINIMA: 10 °C


TEMPERATURA MINIMA IDEALE: 12 °C


ETIMOLOGIA: Specie dedicata a Josè Narciso Rovirosa Andrade,  (1849 - 1901)  botanico e naturalista messicano.
Fece spedizioni nella Sierra de Tabasco (Messico) dove scopri numerose nuove specie botaniche.


NOTE: Cromosomi: 2n=12


FOTOGALLERY:


DESCRIZIONE:

Le piccole piante appena nate di P. rovirosae producono già foglioline dalla forma singolare. Hanno portamento compatto e raccolto. Con il passare dei mesi, però, avviene una trasformazione: se il vaso è sufficientemente grande, le foglie cominciano a crescere con rapidità rivelando così la loro forma definitiva e le loro notevoli doti estetiche.  Quelle giovani sono rosso mattone e lucide.

Durante la crescita, che sembra non arrestarsi mai, trascolorano al verde, passando attraverso una miriade di sfumature: l’ambra, il rosa, il bronzo. Spesso sulla pagina fogliare vi sono più colori e, mentre il centro della foglia è già verde brillante, il margine si sofferma ancora sulle tonalità più calde. Queste colorazioni appaiono ancora più in risalto e decise sui fusti rigati a sezione pentagonale. Sono all’inizio di lucido mogano e di palissandro, poi inverdiscono insieme alle foglie. Queste ultime arrestano la loro crescita quando raggiungono i 10-12 cm di lunghezza ed i 5-6 di larghezza.

Per comprendere la loro forma bisogna immaginare un’ellisse in cui il diametro maggiore sia doppio del diametro minore. Immaginate di togliere un segmento dell’arco a maggior curvatura ad una delle estremità e di girarlo all’interno. Appare così, all’incirca, la forma della foglia bilobata della messicana P. rovirosae.

I fiori sono portati in racemi, misurano 3-4 cm di diametro e sono di colore giallo-verde. La corona è in due serie di filamenti bianchi. Il frutto, fusiforme e 6-angolato, è lungo circa 4 cm. Contiene numerosi semi neri e lucidi che germinano con facilità. Altrettanto bene radicano le talee binodali.

La temperatura minima richiesta è attorno ai 10 °C; è quindi una pianta da vaso, da serra e da appartamento, da apprezzare per la bellezza del fogliame.